Destinazione

Zanzibar


Spiagge bianche con sabbia che sembra borotalco, mare cristallino e fondali con coralli e pesci coloratissimi, palme, foreste rigogliose e animali esotici, questo è quello che rappresenta Zanzibar, uno dei paradisi terrestri ancora incontaminati nel mondo.

La Repubblica Unita della Tanzania comprende l’Arcipelago di Zanzibar la cui isola principale Unguja, meglio conosciuta come Zanzibar è la più grande. Altre isole e isolotti più o meno grandi che la circondano (Pemba è la seconda in termini di estensione) completano l’Arcipelago. Capitale di Zanzibar è Stone Town il cui  centro storico è ricco di testimonianze architettoniche e storiche. Dichiarata  Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, Stone Town è una miscela di razze e culture differenti tra le quali predomina la cultura swahili. Sono numerosi gli isolotti (circa una quarantina) considerati meta prediletta per le escursioni in barca per un bagno con i delfini, snorkeling o semplicemente per sdraiarsi sotto il sole africano come Mnemba, Mafia e Tumbatu.

Unguja è l’isola più estesa della costa orientale e il canale di Pemba la separa dal continente africano. L’isola è prevalentemente pianeggiante e bassa sul livello del mare, ma nella parte centro-occidentale sono presenti alcune piccole colline che raggiungono l’altitudine massima di 123 m. L’Oceano Indiano è soggetto al fenomeno naturale delle maree e propone un affascinante spettacolo quando, per due volte al giorno, si ritira per diverse centinaia di metri. Durante la bassa marea si possono ammirare le originali lingue di sabbia denominate sand-bank ed è possibile arrivare a piedi fino alla barriera corallina.

Informazioni Utili


CLIMA Il clima dell’arcipelago è tipicamente tropicale monsonico e presenta un’alta percentuale di umidità. Normalmente la stagione delle “Grandi Piogge” inizia a fine marzo e si protrae all’incirca fino ai primi di giugno, mentre le “Piccole Piogge” cadono tra novembre e dicembre e possono protrarsi fino a gennaio. La stagione secca comprende i mesi da dicembre a febbraio e da giugno a ottobre.

 

DOCUMENTI E VISTI È necessario il passaporto con validità residua di almeno 6 mesi dalla data di partenza e almeno due pagine libere per il timbro. Per entrare sull’isola occorre essere muniti di visto d’ingresso, ottenibile all’aeroporto di Zanzibar al costo di 50 Dollari (la tariffa può subire adeguamenti in base alle disposizioni governative e/o aeroportuali). Al momento del check-in, l’hotel richiederà il pagamento della “ Infrastructure Tax“ imposta dal Governo della Tanzania  pari a 1 Dollaro a persona per ogni notte di pernottamento. 

 

VACCINAZIONI Non è richiesta alcuna vaccinazione obbligatoria, ma è sempre buona abitudine portare con sé i farmaci di uso personale e i medicinali più comuni, difficilmente reperibili sul posto, come disinfettanti intestinali, antibiotici a largo spettro, repellenti per insetti e creme solari. Se si intende passare due notti o più sul Continente Africano, al rientro a Zanzibar verrà richiesto dalla dogana aeroportuale il certificato di Febbre Gialla.

 

LINGUA La lingua ufficiale è il kiswahili, ma è molto diffuso anche l’inglese. 

 

VALUTA La valuta locale è lo Scellino Tanzaniano (TZS), ma sono utilizzati anche i Dollari (USD) stampati dopo il 2003. In esposizione alla reception il cambio giornaliero. Vengono accettate carte di credito Visa e Mastercard. 

 

ELETTRICITÀ La corrente è a 230 V e 50 Hz. Le prese hanno tre fori come in UK ed è quindi consigliato un adattatore con lamelle piatte, di tipo inglese. 

Alla scoperta


Scopri la meravigliosa isola di Zanzibar in tutte le sue forme, lasciati meravigliare dai paesaggi incontaminati e dai colori della cultura locale. Affidati alle mani esperte del nostro partner che con una vasta scelta di escursioni sarà capace di svelare ogni segreto di questo paradiso terrestre.
 

SAFARI BLUE
Una meravigliosa giornata alla scoperta di posti da sogno! Navigando a bordo di tipiche imbarcazioni locali, andremo nella bellissima Menay-Bay, una lingua di sabbia dove ci si può rilassare, prendere il sole e fare snorkeling. Assaggeremo deliziose grigliate di pesce, aragosta e crostacei nell'incantevole isola di Kwale, circondati dal profumo degli alberi di tamarindo e dopo pranzo andremo ad ammirare il più grande e vecchio esemplare di baobab, 500 anni. L'ultima tappa è un breve tratto di mare dove si potrà ammirare la baia delle mangrovie.
 
 
SPICE TOUR "Alla scoperta delle Magiche Spezie"
Mezza giornata circondati dalle fragranze di questa meravigliosa isola: Zanzibar, in passato conosciuta come "L'isola delle Spezie”. Visiteremo una piantagione di spezie, accompagnati da personale qualificato che ci farà conoscere le origini e assaporarne gli aromi: noce moscata, zenzero, cannella, vaniglia, chiodi di garofano, cardamomo, pepe nero, caffè, citronella e molti altri. Lo staff ci spiegherà tutti i rimedi, le caratteristiche e le curiosità legate a questi aromi intensi ed esotici.
 
 
STONE TOWN
Mezza giornata trascorsa a visitare Stone Town, alla scoperta della cultura e del folklore locale. Ci fermeremo al mercato centrale, visiteremo la Cattedrale Anglicana, costruita sul luogo in cui passava la tratta degli schiavi, passeggeremo attraverso i vicoli stretti e caratteristici della città vecchia, dove potremo ammirare le originali porte arabe fino alla famosa Casa delle Meraviglie e al Palazzo del Sultano. Ultima tappa dedicata allo shopping!
 
 
NAKUPENDA E PRISON ISLAND
Una splendida giornata di mare e cultura. Trasferimento in autobus al porto di Stone Town da cui salperemo, a bordo di imbarcazioni locali in direzione di Nakupenda, chiamata anche l’isola che non c’è: una striscia di sabbia fine e bianca che appare e scompare a seconda delle maree, dove è possibile prendere il sole e godere del mare turchese ed ammirare le colorate stelle marine. Pranzeremo con piatti tipici swahili a base di pesce, aragosta, crostacei e per concludere frutta fresca. A seguito faremo una breve gita in barca fino all'isola delle prigioni, dove gli schiavi furono messi in quarantena e che oggi ospita la famosa riserva di tartarughe giganti.
 
 
DOLPHIN TOUR & JOZANI FOREST
Questa escursione di mezza giornata ci porterà nella parte meridionale di Zanzibar. Una volta arrivati, prenderemo una barca a motore per raggiungere la zona dei delfini, dove potremo nuotare e giocare insieme a loro. Sulla via del ritorno visiteremo la foresta di Jozani, una riserva naturale dove avremo la possibilità di avvistare il Colobo rosso, una specie endemica di scimmia con il curioso dorso rosso tipico di Zanzibar. Ma tieni gli occhi aperti: antilopi dik dik, maiali selvatici, manguste e camaleonti fanno parte della fauna, mentre piante come eucalipto, alloro di Alessandria e palme giganti arricchiscono la flora. In seguito ci addentreremo nella foresta di mangrovie.
 
 
TRAMONTO LE SPIAGGE DEL VILLAGGIO DEL NORD E DEL FANGO
Visita al caratteristico villaggio di fango e alla spiaggia di Kendwa, una delle spiagge più famose dell'isola, dove avremo l'opportunità di trascorrere un pomeriggio rilassante e godere degli emozionanti colori del tramonto africano. Durante il pomeriggio ci verrà offerto uno spuntino a base di frutta fresca.

 

Possibili variazioni, aggiunte, o cancellazioni al programma delle escursioni potranno verificarsi nel caso in cui le condizioni atmosferiche non permetteranno uno svolgimento dell’escursione in piena sicurezza.

Sarà, inoltre, possibile richiedere con anticipo la propria escursione e/o safari su misura con un supplemento.

Safari


L’AVVENTURA DEL SAFARI

Per vivere l’indimenticabile esperienza del safari, da Zanzibar bisogna spostarsi nella vicina Tanzania, dove il game drive rappresenta la principale attività turistica del Paese. Raggiungere la Tanzania significa approfittare di una completa full immersion nella natura: si tratta infatti di un viaggio all’insegna dell’avventura e del rispetto per il prezioso patrimonio ambientale da salvaguardare. 

Il più suggestivo evento annuale al quale è possibile assistere durante un safari in Tanzania ha origine nel Serengeti National Park: da qui, enormi mandrie di gnu si dirigono verso i più verdi pascoli del Kenya, offrendo allo spettatore uno scenario unico al mondo. Vera terra del safari, la Tanzania lascia stupiti di fronte alla vastità delle pianure che si distendono a perdita d’occhio su gran parte del territorio. Questa porzione d’Africa offre varietà faunistiche tra le più grandi e selvagge del pianeta: oltre agli gnu, si possono ammirare in tutta la loro maestosità antilopi, leoni, scimmie, ghepardi, coccodrilli e gazzelle. In aggiunta ai classici safari fotografici, la Tanzania offre angoli di natura incontaminata tra i più suggestivi del Continente Nero come il Serengeti e il Kilimanjaro, o lo splendido cratere di Ngorongoro, che rendono il Paese una meta ambita dal turismo internazionale.

L’ufficio escursioni, previa richiesta anticipata dei nostri ospiti, potrà organizzare il safari prescelto mediante l’appoggio delle agenzie partner locali.Ricordiamo che possibili variazioni, aggiunte, o cancellazioni al programma delle escursioni potranno verificarsi nel caso in cui le condizioni atmosferiche non permetteranno uno svolgimento dell’escursione in piena sicurezza.

 

INFORMAZIONI UTILI PER IL NOSTRO PROGRAMMA ESCURSIONI

Per aiutarvi a godere interamente l’esperienza unica del safari sin dal principio, ci permettiamo di darvi qualche utile indicazione:

  • Il bagaglio deve essere pratico ed è quindi sconsigliato portare valige rigide che occupano spazio e corrono il rischio di rovinarsi. Meglio utilizzare un borsone o uno zaino
  • L’abbigliamento consigliato prevede indumenti pratici e leggeri di cotone o lino dai colori neutri, scarpe comode e basse o scarponcini chiusi, occhiali da sole e cappello. All’imbrunire, meglio scegliere maglie o camicie con maniche lunghe e calzoni fino alla caviglia per evitare le punture di zanzare. Gli abiti più pesanti sono riservati per la sera
  • È consigliabile dotarsi di un buon repellente per le zanzare e creme solari
  • È sconsigliabile portare con sé oggetti di valore
  • I telefoni cellulari spesso non hanno copertura di rete
  • Anche se l’esperienza prevede l’essere “nomadi” in mezzo alla savana, i viaggiatori non sono mai abbandonati a loro stessi, poiché le guide sono sempre in comunicazione con l’agenzia referente sul posto
  • Gli autisti e le guide delle escursioni parlano inglese, ma in genere comprendono e parlano anche altre lingue europee.
  • Il trattamento durante il safari è di pensione completa, inclusa l’acqua sul pulmino, mentre nelle strutture turistiche le bevande sono escluse. Sono previsti su richiesta safari in All Inclusive.

 

SERENGETI NATIONAL PARK Serengeti in lingua “maa”, la lingua dei masai, significa “la grande pianura”. Il parco è infatti un’immensa distesa di erba giallastra, interrotta soltanto dalle forme tondeggianti delle kopje, piccole colline isolate. La pianura del Serengeti è suddivisa in numerosi parchi nazionali: il Parco Nazionale del Serengeti, la riserva naturale di Ngorongoro, la riserva kenyota di Masai Mara. Il Serengeti National Park racchiude una concentrazione di specie animali fra le più elevate del mondo e ospita almeno un milione e mezzo di erbivori.

 

CRATERE DI NGORONGORO Il cratere di Ngorongoro è una cavità vulcanica situata nella pianura del Serengeti. Grazie alla buona piovosità del posto, alle pozze d’acqua e ai torrenti che ricoprono la zona, tutta l’area è abitata da numerose specie animali che si riuniscono per lo più nella parte più interna del cratere dove si trova un grande lago. Nel cratere la concentrazione di fauna è impressionante: si calcola che sia abitato da oltre 25.000 animali di grossa taglia, nonché alcune specie piuttosto rare come i rinoceronti neri, mentre non vi giungono le giraffe e gli impala. Il Cratere del Ngorongoro è l’unico parco naturale che non è sottoposto alle leggi delle riserve nazionali e gode di una legislazione propria, ad esempio le tribù Masai hanno diritto di pascolo nel Ngorongoro e non sarà quindi difficile incontrarli con il loro bestiame.

 

LAKE MANYARA NATIONAL PARK Costituito da una striscia di terra lunga circa 50 chilometri e larga al massimo 8, questo parco è tra i più piccoli della Tanzania. Si estende tra le acque dell’omonimo lago e il ripido versante occidentale della Rift Valley. Il parco offre la possibilità d’incontri ravvicinati con numerosi branchi di elefanti, colonie di babbuini, gnu, zebre, giraffe, ippopotami e leoni, oltre a numerose varietà di uccelli, tra i quali gli eleganti fenicotteri.

 

TARANGIRE NATIONAL PARK Il Parco Nazionale del Tarangire è situato a un centinaio di chilometri dalla città di Arusha e deve il suo nome all’omonimo fiume che lo attraversa. Il paesaggio è alquanto verdeggiante: attorno al fiume si trovano estese paludi e pianure alluvionali. Il parco ospita zebre, gnu, diverse specie di gazzelle, bufali, giraffe, elefanti, ghepardi e leoni.